Leggendo #150 – Tre ombre

Avete presente quei libri che quando li chiudete vi soffermate un attimo a guardare il vuoto per esordire con un enorme “non ci ho capito un piffero”? Ecco, vi svelo un segreto: capita anche con i fumetti. E si sa, spesso i volumi che terminano con domande esistenziali sono quelli che scavano più nel profondo eppure ci sono storie che a volte vanno davvero al di là dell’immaginazione creando mondi paralleli in cui nessuna spiegazione logica riesce a mettere un punto all’infinito divagare della mente. E no, non sto davvero parlando di tomi enciclopedici alla Da dove veniamo? Che siamo? Dove andiamo?( cit.) ma di narrazioni che sanno giocare con la fantasia e creare dei Gargantua (scusate, ho appena rivisto Interstallar) incredibili. Tre ombre, graphic novel di Cyril Pedrosa, è una cosa così.

La prima volta che ho incontrato il fumettista francese è stato fra le tavole di Portugal, un viaggio on the road nella penisola Iberica di cui vi ho già raccontato e che non smetterei mai di consigliare. Perché Cyril Pedrosa è un autore davvero magico nel senso che tutto ciò che tocca, sostanzialmente carta e matita, viene avvolto da un incantesimo capace di creare nuovi mondi nemmeno troppo vicini alla nostra galassia. Ciò accade soprattutto in Tre Ombre, una storia delicata eppure così coinvolgente da lasciare il lettore immerso nelle righe che compongono un’avventura al di là di ogni avversità e pronta a farci cercare, in ogni suo meandro, un significato vero e profondo che risponde a tutto ciò che l’autore cerca di dire lasciando nascosti riferimenti qua e là fra le linee dei suoi personaggi.

300-tre-ombre-9Il piccolo Joachim e la sua famiglia vivono felici e contenti alle pendici della montagna, protetti dalle raffiche di vento e dal gelo più terribile. Eppure qualcosa si nasconde là fuori, pronto a spaventare la piccola famiglia e destabilizzare l’equilibrio fatto di passeggiate fra i boschi e serate a scaldarsi con il tepore del camino acceso. Joachim e il padre, così, si ritrovano improvvisamente catapultati in una realtà nuova, a partire per un viaggio in nave che li porterà a lottare con la furia del mare per poi finire fra le mani di una figura più onirica che reale.

E il tratto del fumettista si adegua al susseguirsi delle vicende. Si fa più forte e denso nei momenti in cui i personaggi si ritrovano a vivere le vicende più pericolose della loro vita mentre le tavole tornano a essere limpide e cristalline proprio quando la gioia sta per diventare nuovamente protagonista, la stessa serenità che permeava nella prime pagine di Tre Ombre.

treombre_dettQuale sia davvero il significato di questa graphic novel di Cyril Pedrosa è difficile dirlo. Probabilmente non sarà la prima, non la seconda e nemmeno la terza lettura a rilevarlo. Quello che si può dire, però, è che Tre ombre è un racconto che vuole un futuro, che aiuta ad affrontare ciò che è passato per tornare a cercare la serenità. E così, come in Portugal, Cyril Pedrosa racconta ancora il ritrovamento della felicità, la presa di coscienza sull’ieri per vivere il domani con una vitalità vera, palpabile.

Annunci