Leggendo #158 – Il corpo che vuoi

Questo articolo è stato pubblicato su Cosebelle Magazine


Il corpo che vuoi di Alexandra Kleeman è un libro materico composto da cosmetici, merendine e strati di pelle toccati e da toccare. Quello portato nelle librerie da Edizioni Black Coffee, infatti, è soprattutto un romanzo costruito da sensazioni esclusivamente tattili, di decisioni prese di pancia e mai di testa e di movimenti che si ripetono per pagine e pagine, come quelle in cui le dita della protagonista sbucciano un mandarino, tanto da sentirla  sulla pelle quella sensazione, l’indice che scava nella buccia per cominciare a toglierla mentre il succo scivola sulla mano. Alexandra Kleeman, giovane penna di origine statunitense, descrive così parti di corpo ma anche organi, respiri e affanni perché ogni tensione, in questo romanzo, diventa simbolo e filtro per descriversi.

Di notte me ne sto sdraiata a letto e, anche se non posso toccarlo o tenerlo in mano, sento il cuore muoversi dentro di me, troppo piccolo per occupare il petto di un adulto, troppo grande per stare nel petto di un bambino.

Il corpo che vuoi, innanzitutto, è un libro senza personaggi, solo identità vacue. A, B e C sono tutti e nessuno, sono protagonisti di storie che possono essere la mia e la tua, sono anime che vivono di paure, terrori, ma senza costringersi ad affrontarle. Perché A, B e C non hanno passato né futuro. Vivono un eterno presente con, forse, il desiderio di cercare se stessi in un mondo in cui tutti sono autentici, dove i colori dei messaggi fuorvianti della pubblicità riflettono ciò che non si è più ma che si vorrebbe tornare a essere (spoiler: senza riuscirci).

Mi sento come la neve, come probabilmente si sente la neve: fredda e in pace e sul punto di svanire. Un manto provvisorio sopra un fazzoletto di terra. Giaccio come neve per un lungo istante, mentre un’auto passa ogni tanto in strada rendendo il bianco più bianco.

E il mondo della cosmetica ha un impatto tutto suo nel romanzo di Alexandra Kleeman. Le creme e i trucchi che si ritrovano fra le pagine de’ Il corpo che vuoi sono strumenti per trasfigurarsi, per modificare il proprio viso come se si potesse modificare la propria anima semplicemente applicando sul proprio volto con un poco di ombretto. La cura dell’esterno, in questo modo, diventa un tentativo per abbellire anche l’interno, come se l’uso di creme rendesse più bella non solo la propria pelle ma anche gli organi, trasformando così un cosmetico in un qualcosa di commestibile, neanche fossero le merendine di cui la televisione racconta ogni giorno un’avventura nuova. Un modo, quello di Alexandra Kleeman di raccontare il mondo della cosmetica, più forte di altri, per approfondire il bisogno di sentirsi belli, più per gli altri che per sé, di riempirsi di altro per sentire a tutti i costi qualcosa, qualsiasi cosa sia.

000846270007
Comet K35 

Una fame disperata mi si agita dentro. La pelle è una prigione. All’improvviso vorrei rivoltarmi come un calzino, riversarmi all’esterno e iniziare a staccarmi dei pezzi a morsi, nutrirmi.

Perché Il corpo che vuoi è soprattutto solitudine. È la corsia dei supermercati vuota e tu che ci cammini in mezzo con il ronzio del banco frigo come unica compagnia. È il vagare per la periferia della propria città guardando il marciapiede opposto con i suoi palazzi e distributori di benzina. È accendere la tv e lasciare che i canali televisivi illuminino il viso con un’invasione di immagini, lasciando spazio alla passività e all’assenza di presa di coscienza, inventando le vite dei protagonisti dei reality show. Il corpo che vuoi è un continuo cercare di darsi risposte, di giustificare comportamenti altrui per capire meglio i propri tentando di dimostrarsi forti quando nella realtà ci si sente sempre più piccoli. Così piccoli da cercare un qualcosa di troppo grande in cui perdersi.

(..) io, invece, trasformo il risolvibile in irrisolvibile e poi cerco di risolverlo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...